Amore, Sessualità e Piacere di Vivere

Amore e sessualità

⇒ SCARICA: Amore, Sessualità e Piacere di Vivere

Preferiamo parlare di educazione della sessualità e non di educazione sessuale perché c’è differenza fra sessualità e sesso. La sessualità umana è una dimensione complessa, biopsicosociale, che include il sesso ma non si sovrappone ad esso. La sessualità accompagna la crescita dell’individuo dallo sviluppo intrauterino fino alla vecchiaia e, analogamente alle funzioni mentali ed emotive, coinvolge tutti.

Questo perché la sessualità ha due funzioni biologiche fondamentali: la prima, che riguarda il sesso, è la pro-creazione, la perpetuazione della specie; la seconda è lo sviluppo delle potenzialità fisiche e mentali deputate a distinguere fra piacere e dispiacere. Dal sano sviluppo della sessualità deriva la capacità di scegliere ciò che è buono e bene per noi: le persone con cui stare, i luoghi nei quali vivere, il cibo con il quale nutrirsi, le attività da intraprendere, i partner con cui vivere e/o procreare, lo studio o il lavoro giusti. O almeno, così dovrebbe essere!

La sessualità coinvolge il muoversi, esplorare, vedere, udire, gustare, annusare, toccare, respirare e tutta la sfera dei rapporti interpersonali. Abbracciare un figlio, consolare un allievo, un’amica o un vecchio padre, badare a una persona anziana o malata con piacere, mette in moto meccanismi neurofisiologici e affettivi molto diversi che farlo senza piacere. Lo stesso vale per il piacere di studiare, creare, impegnarsi, pregare e persino sacrificarsi e fare fatica! La percezione interiore, non solo fisica ma psicologica e sociale della propria mascolinità e femminilità, è l’humus che fertilizza la terra dove coltivare relazioni sane, rispettose, equilibrate, profonde e per prepararsi a una procreazione felice e consapevole del valore della vita.

I nostri progetti del ciclo AMORE, SESSUALITA’ E PIACERE DI VIVERE rivolti alle scuole, hanno l’obiettivo di educare la sessualità, in primis focalizzando l’attenzione su un percorso di conoscenza e affetto verso se stessi e il proprio corpo, per poi integrare la conoscenza, l’affetto e il rispetto verso l’altro sesso. Per questa ragione i nostri laboratori, sono di norma condotti da due formatori, un uomo e una donna.

A CHI E’ RIVOLTO

Con il relativo adeguamento delle tecniche, dei tempi e degli spazi e in base alle esigenze delle classi o delle scuole inerenti temi specifici (esempio: il bullismo, sessualità ecc…) i nostri progetti sono rivolti a tutti i protagonisti dell’azione educativa sia nel tempo scolastico, sia extrascolastico. Possono riguardare il gruppo-classe, gruppi trasversali (formati da più classi), in co-presenza degli insegnanti (nella scuola d’infanzia e primaria) o senza insegnanti (scuola secondaria di primo e secondo grado).

Nello specifico:

Bambini della scuola dell’infanzia (in co-presenza con almeno un

insegnante);

Ragazzi della scuola primaria (in co-presenza con almeno un insegnante);

Scuole secondare di primo e secondo grado;

Corpo docente, educatori, home-workers, operatori;

Negli opportuni spazi sono possibili programmi di formazione per;

Corpo docente, educatori, home-worker, operatori;

 Genitori e care-giver.